Ridere di gusto

“Donna con Bandiera” di Tina Modotti

Domani, a distanza di due mesi dal voto, probabilmente avremo un nuovo governo. C’è voluto un po’, ma alla fine il matrimonio naturale tra Lega Nord e Movimento 5 Stelle è avvenuto: sel’aspettavano tutti, perchè – vale la pena ricordarlo – il M5S è fondamentalmente un partito di destra, che affronta ed avalla temi e discorsi cari alla destra classica, e che di fatti, in maggioranza, approva l’unione con la Lega piuttosto che col PD. Che se ne prenda atto, una volta per tutte, che quando “non è ne né destra né sinistra, è sempre destra“.

Ma tant’è: avremo probabilmente uno dei peggiori governi della storia della Repubblica. Da una parte, la Lega, che porterà avanti le tematiche tanto care al cdx. Dall’altra, il M5S, che sostanzialmente non sarà in grado di produrre nulla, se non qualche decreto o qualche legge al quale assegnerà un nome eclatante. Quel che pare ovvio, ad un occhio critico, è che entrambi i partiti hanno tradito le loro promesse elettorali. Ma questa cosa non importa, ed è così che i nemici diventano improvvisamente alleati: abbindolando l’elettorato, al quale ben piace essere abbindolato.

In questo contesto, rido. Rido di gusto. Non tanto per i grillini che tentano di giustificare le tristissime e degradanti giravolte di Di Maio. Non tanto per i leghisti che accetteranno di buon grado di dover sottorare a “Roma Ladrona”, da sempre avversa da Salvini. Non tanto per tutto quel popolino, misero, che ha costruito la propria conoscenza politica su Facebook, al grido di “e allora il PD” ed altre fesserie simili. No. Rido di gusto, per tutte quelle persone “di sinistra” che, in questi giorni, si stanno spendendo in discutibili comunicati stampa per “ritrattare” il loro voto al M5S, o per “ritirarlo”.

Continue Reading

Ma quindi, cosa si è deciso per la SS106?

I due percorsi comparati

Il 9 Maggio è stato definito a più riprese come una data importante per Crotone ed il suo circondario. Nulla a che vedere con le diverse celebrazioni e ricorrenze del giorno, ma comunque qualcosa di davvero interessante: la “bretella” di Bevilacqua è stata formalmente proposta all’ANAS come variante di percorso della SS106. Nel corso di un incontro ufficiale presso la Regione Calabria, l’AD di ANAS, Gianni Vittorio Armani, ha infatti aperto alla possibilità di valutare l’idea in termini di “rapporto costi/benefici“, e dando il via libera alla realizzazione di uno studio di fattibilità dell’opera.

Purtroppo però, la notizia è stata incredibilmente accolta con un “entusiasmo” che definirlo eccessivo è riduttivo. In salsa tipicamente crotonese, diverse personalità hanno iniziato – in contemporanea, su Facebook – a prendersi i meriti dell’opera, dandole in certi casi addirittura un colore politico (che il prossimo anno ci sono le regionali). Altre invece, prese probabilmente dall’ebrezza del momento, hanno iniziato a dire cose tipo “l’ANAS ha accettato la variante“, “l’ANAS si farà carico di realizzare l’opera“, “questa sarà la nuova strada“, o “iniziano i lavori della nuova 106“.

Ma nulla di tutto ciò è vero. Occorre, ad onor del vero, ridimensionare incredibilmente questo 9 Maggio, dato che si è arrivati “solo” ad avere un tavolo tecnico. L’opera è ancora senza un progetto, ed i più ottimisti sperano di averlo entro la fine dell’anno, anche se è lo stesso Armani a ricordarci che per il terzo megalotto (Roseto Capo Spulico – Sibari) ci sono voluti ben 20 anni di lavoro tra progettazione e bando.

Continue Reading

“La conquista di un sogno”

La cassetta

Era il lontano 2002 quando l’allora Sindaco, Pasquale Senatore, si inventò una trovata che dalle nostre parti suonava a dir poco originale: mandare una videocassetta a casa di “tutti” i crotonesi. Una videocassetta breve, della durata di poco meno di mezz’ora (28 minuti per l’esattezza), dove non solo elencava tutti i punti raggiunti dalla propria amministrazione, ma dove lasciava anche intravedere “il sogno”, gli ambiziosi progetti futuri.

Ora, mettiamo da parte la politica dei partiti e le appartenenze, e limitiamoci alla cassetta. Alle sue immagini, che riprendono un passato non troppo lontano, e che mostrano palesemente come i sogni di questa città siano cristallizzati da decenni. Sono rimasti sogni nel cassetto.

Sul retro della confezione, le avvincenti parole dell’ex sindaco, ed il suo invito a “non mollare”, a “continuare a sognare”, a “contribuire tutti” alla rinascita della città. Un invito dannatamente attuale, e fin troppo simile ai “nuovi” proclami dei giorni nostri, che ripropongo integralmente di seguito:

Miei cari concittadini,

spero di fare cosa gradita, nel porre alla Vostra attenzione questa videocassetta che contiene un contributo filmato assai suggestivo sulle opere più importanti realizzate dalla mia Amministrazione nel corso dei primi 4 anni di governo della città. Sin dal mio insediamento (15 Maggio 1997), ogni quindici giorni è stata puntualmente inaugurata un’opera, piccola o grande che fosse, col pensiero sempre rivolto a tutti Voi, e in particolare ai crotonesi che per motivi di lavoro risiedono lontano dalla nostra amata città, con il cuore stretto dalla struggente nostalgia della sua incomparabile bellezza. Oltre alla dignità di cittadini, passo dopo passo, abbiamo insieme conquistato anche il piacere di vivere a Crotone – faticosamente ricostruita con il contributo di tutti – una città oggi finalmente avviata verso la definitiva rinascita, nella quale vogliamo fortissimamente veder crescere i nostri figli, lavorare e perché no continuare a sognare.

Tanto è stato fatto, dunque, ma il mio, il Vostro compito non finisce qui. Animati da una superiore volontà realizzatrice, dobbiamo percorrere fino in fondo la strada del cambiamento, la stessa che ci ha portati a raggiungere i tanti traguardi quotidiani dei quali non dobbiamo sentirci mai paghi, poiché, pur essendo il buio della mezzanotte ormai passato, ci attende un lungo, faticoso, avvincente cammino.

Come sempre supereremo ogni difficoltà e troveremo ancora una volta in noi stessi la forza di immaginare il futuro che ci appartiene.

Parola del Vostro Sindaco

Pasquale Senatore

Ora, dimmi la verità: sei curioso di vedere, o rivedere, il video? Magari ti ricordi di avere la cassetta, ma non la trovi? O non hai il videoregistratore? Tranquillo: ho convertito il video e l’ho caricato online. Lo trovi qui 😉