Vai al contenuto

Và fà bbène all’àti…

Và fà bbène all’àti, ca à càrna dà tò sà mancìanu ì càni

Traduzione:

Vai a fare del bene agli altri, che la tua carne se la mangiano i cani

Spiegazione:

La proverbiale diffidenza del Calabrese riassunta in una sintetica e limpidissima frase. Non fare del bene agli altri, altrimenti ti scarneranno fino all’osso… come dei cani.

Cù si pènza ì fare nà bbòna mànciata…

Cù si pènza ì fare nà bbòna mànciata, ara fìne rìmana ddijùnu!

Traduzione:

Chi pensa di farsi una buona mangiata, alla fine rimane digiuno.

Spiegazione:

Molto semplicemente, non aspettarsi mai troppo 🙂

Quannu zàppi e quannu pòti…

Quannu zàppi e quannu pòti, nè zziani nè niputi. Quannu è l’ura ì vìndemmiare, tutti ziù ti vònnu chiàmari!

Traduzione:

Quando zappi e quando poti, niente zii nè nipoti. Quando è l’ora di vendemmiare, tutti zio ti vengono a chiamare!

Spiegazione:

Alquanto intuitivo, il detto si riferisce non solo agli ambienti familiari, ma anche ai rapporti di amicizia e con gli altri. Nel momento della fatica, ti ritroverai da solo, ma quando si tratterà di chiederti qualcosa nessuno ci penserà due volte.