Vai al contenuto

Quei cannoni usati come ormeggi

1 commento

Cannone-Ormeggio 1
La culatta di un cannone usata come ormeggio

Qual’è la cosa più divertente di una buffa storia? Quando questa si rivela essere vera! Noi tutti sentiamo, ogni giorno, di strani avvenimenti, di persone che fanno cose impensabili, di gesti assurdi, pazzeschi! Cose che a sentirle ti fanno dire “Noooooo ma che cazzo dici, una cosa del genere è impossibile!“. Un po’ come la storia che vi sto per raccontare.

Ciò che rende questa storia ancora più speciale, è il fatto che la sanno tutti da anni. Generazioni di persone hanno vissuto a contatto con ciò senza aver mai fatto una piega.

Arriviamo al dunque: avevate mai sentito di cannoni del VI-VIII secolo usati come ormeggi in un porto? Ne dubito. È stato assurdo anche per me, eppure è bastato parcheggiare la macchina al porto di Crotone per trovarmi di fronte a questa sconcertante realtà.

È interessante anche sapere che non si tratta di uno scempio, o di un lavoro fatto “di notte”, ma di una precisa scelta, voluta proprio da chi quei cannoni li aveva rinvenuti. Insomma, una volta ritrovati, venne deciso di metterli li, per far ormeggiare le barche dei pescatori.

(altro…)

Qualche curiosità sulla Madonna di Capo Colonna

3 commenti

Madonna di Capo Colonna
Sarà lei la festeggiata!

È risaputo da sempre ormai, la Festa della Madonna di Capo Colonna è l’evento religioso più sentito della città di Crotone. Viene festeggiato più dello stesso santo patrono della città (il povero San Dionigi Areopagita). Da secoli la città di Crotone onora e festeggia questa figura, legata a misteri e miracoli, anche se i più non lo sanno.

Proprio così, sarà l’immagine più sacra della nostra terra, ma di lei si sa spesso troppo poco. Come, del resto, anche dell’Areopagita. Con questo articolo, intendo proporre ai più un punto di partenza sui miti e sulla storia vera di questo quadro. Cosa si sa veramente, com’è arrivato fino a noi, e sopratutto degli importanti eventi che lo hanno reso ancora più sacro.

I più anziani ricorderanno sicuramente delle storie, raccontate dai loro genitori, di eventi importanti o comunque non di poco conto. Però spesso se ne dimenticano, non se ne ricordano bene, o non hanno intenzione di raccontare le stesse storie ai loro figli o i loro nipoti. Infondo, una caratteristica che accomuna la maggior parte dei Crotonesi è proprio la poca voglia di documentare, quindi tutto quello che viene raccontato poi subisce variazioni, modifiche anche radicali, e si finisce per avere dieci racconti diversi sulla stessa cosa. È da secoli che poco ci importa di lasciare qualcosa di scritto.

Oggi però facciamo un’eccezione. Con quello che si sa, cercherò di creare un valido punto di partenza per tutti. Si incomincia dall’arrivo del quadro nella nostra terra, elemento fondamentale per capire l’origine dell’icona, ma “ovviamente” poco noto. Anzi, proprio sconosciuto.

(altro…)