E il commerciante bussò…

Ma guarda un po’…

Sul Crotonese di oggi leggiamo di un fatto curioso. Vi ricordate che appena una decina di giorni fa è successo un gran casino sul lungomare, a seguito dei controlli dei Carabinieri sulle concessioni del suolo pubblico? I commercianti hanno inscenato una serrata, chiudendo i locali e protestando alla prefettura, in quanto avrebbero ingiustamente subito un abuso, e sono andati tutti a sbraitare di essere nel giusto, pretendendo la solidarietà anche dai pochissimi locali in regola. Hanno addirittura incassato l’appoggio di qualche esponente politico (M5S, ovviamente), oltre che di buona parte della popolazione che si è prontamente schierata contro il controllo.

Parole e commenti assurdi, dettati non solo da una palese mancanza di educazione alla legalità, ma forse anche un po’ dalla calura estiva. Eravamo infatti rimasti che su 19 attività: 5 in regola, 8 in attesa del permesso, 4 non hanno ancora pagato e 2 non hanno neanche presentato la domanda. Una dato impietoso, sul quale ancora gravitava il dubbio delle responsabilità. Dopo il primo incontro di Lunedì scorso e le successive verifiche, sembra però non ci siano dubbi: la maggior parte dei commercianti non era in regola, e non aspettava alcun permesso.

Ad aggravare ancor di più il quadro è quanto riportato dal Crotonese di oggi, in seconda pagina: altri 25 commercianti si sono presentati spontaneamente al Comune per regolarizzare la loro posizione. Approfittando del “periodo di regolarizzazione” concesso dallo stesso sindaco, che scadrà entro la fine di Luglio, altri commercianti, consci di non essere in regola, hanno ben pensato di mettersi a posto prima dell’arrivo di una sanzione da parte delle forze dell’ordine. Meglio evitare, se possibile: e come fino ad oggi hanno evitato di pagare correttamente quanto dovuto, adesso eviteranno anche di incorrere nella sanzione che gli spetterebbe. Un paradosso difficile da mandare giù, che rappresenta bene la normalità di una città sempre pronta a fotografare l’ambulante che con la sua bancarella “mina all’economia locale”, e fin troppo sbadata quando si tratta di verificare tutto il resto.

Ma torniamo a noi, perché ci tocca aggiornare il bilancio. Sebbene il controllo abbia interessato solo 19 attività, con queste “ammissioni spontanee” si può tranquillamente dire che: su 44 attività commerciali solo 5 sono in regola, e solo 8 sono realmente in attesa del permesso del Comune. Le restanti 31 attività hanno palesato delle mancanze più o meno gravi, che vanno dalla semplice occupazione di suolo maggiore di quanto dichiarato (cosa trascurabilissima, in alcuni casi) al totale abusivismo (non hanno mai pagato, o, peggio ancora, hanno fatto finta di pagare). Un bilancio impietoso, al quale andrebbe aggiunto la chiusura di altri due esercizi commerciali (diciamo “discoteche”), sempre per mancanza di permessi.

Evidentemente, c’è bisogno di fermarsi un attimo a ragionare. Chi affossa davvero l’economia locale? Il controllo delle forze dell’ordine, o il commerciante che non si regolarizza? Perché questi soldi che non arrivano nelle casse del Comune, sono soldi tolti alla collettività. Soldi che potrebbero essere reinvestiti, guarda caso, proprio sul lungomare cittadino, dove questi commercianti operano, per renderlo migliore, più bello, più appetibile.

Mai più adatta fù la storia della volpe dalla coda di paglia.

Nuotando in un mare di dati

I punti di prelievo cittadini

In questi anni abbiamo assistito ad un perenne contrasto sui dati relativi alla balneabilità e all’inquinamento del nostro mare. Da una parte troviamo i dati forniti periodicamente dall’Arpacal, mentre dall’altra troviamo i dati raccolti dal meetup del M5S locale. La cosa quantomeno curiosa è che, andando a confrontare questi dati, scopriremo che sono sempre molto, molto differenti. Anche a seguito di analisi effettuate a pochi giorni di distanza.

Più volte è stato chiesto (dai cittadini e dalla stampa, specie Il Crotonese) un prelievo in contemporanea, da effettuarsi lo stesso giorno, in modo da fugare ogni dubbio. Altrimenti, a chi dovremmo credere? E’ possibile che l’acqua sia sempre pulita come sostiene l’Arpacal,  o che sia sempre sporca come sostiene il meetup?

A distanza di anni dall’avvio della campagna “Il nostro mare lo controlli Tu“, finalmente è stato svolto un prelievo in contemporanea con le autorità, l’11 Luglio 2017. E puntualmente, i dati sono molto diversi: i risultati del meetup, pubblicati il 13 Luglio, evidenziano ben due aree oltre i limiti; i risultati di Arpacal invece, pubblicati il 18 Luglio, non hanno registrato alcuna irregolarità. Pare un mistero insolvibile.

Non sappiamo se il prelievo è avvenuto in perfetta concomitanza (stessa ora, stesso punto, stesse modalità ecc.), ma appare comunque irrealistica una tale differenza di valori negli stessi specchi d’acqua. Qualcuno, qui, mente. O forse sarebbe meglio dire sbaglia. Ma chi? Sono in molti infatti che, prodi della loro ignoranza, semplicemente non credono ai dati dell’Arpacal, che sarebbero “taroccati” o comunque “falsi”, nonostante la numerosa documentazione ed i numerosi report. Ma la realtà potrebbe essere ben più semplice.

Leggi tutto…

25 anni di menzogne

A màfia è chira ca cumànna sempi, e solo idda poti jiri avanti“, dice una nota canzone che celebrava l’omicidio di Carlo Alberto della Chiesa. Era il 1982, ed erano ancora lontani gli anni delle bombe, ma la strada sembrava già tracciata. Lo stesso copione si ripetè più e più volte, tra perfetti sconosciuti e manovalanza criminale, finché, nel 1992, non arrivò la svolta. Iniziarono le “morti eccellenti”, e da li le bombe in mezza Italia.

Ero appena nato, quando uccisero Falcone, ed avevo pochi mesi alla morte di Borsellino. Non ebbi modo di conoscere questi due signori, che mi si ripresentavano puntualmente, di anno in anno, in ogni testo scolastico. Li ho studiati, li ho letti, per certi versi li ho capiti. E pur non avendo vissuto la loro scia emotiva, ne ho compreso il genio, la lungimiranza, e sopratutto la vera volontà di cambiarla, quella Sicilia e tutto quel Sud.

Ma vennero ammazzati. Uccisi come tanti altri, solo in modo più plateale: la morte è una sola, ma pochi possono fregiarsi della simbolica cifra di “500 kg di esplosivo”. Per i criminali comuni si usa il minimo indispensabile. Ma in questi casi si deve dare un segnale. Alle persone, alla popolazione locale, alle autorità, allo stato: ne abbiamo talmente tanto che possiamo farvi saltare in aria a tutti.

Leggi tutto…