Vai al contenuto

Offerte che non lo sono

Scritto da:

Francesco Placco

Avete presente quando dicono di stare attenti alle offerte nei periodi di sconto, perché molto spesso i venditori ci marciano sopra? Questo è stato per decenni (ma anche di più) uno stigma per i negozianti, che oggi si ripete, impunemente, anche online.

Quando arriva novembre, da qualche anno a questa parte, sono tutti fagocitati dalle “offerte” disponibili sopratutto online. Il black friday ed il cyber monday offrono la possibilità di acquistare prodotti a prezzi imbattibili, di fare buoni affari insomma. Ma già dallo scorso anno è emersa un certo spirito truffaldino, che sfrutta gli algoritmi dei grandi marketplace per tentare di rifilare qualche fregatura.

Questa mattina, ad esempio, l’home page di eBay ha già proposto i suoi fenomenali prodotti scontati fino al 70%. C’è un po’ di tutto, dall’abbigliamento all’elettronica, e sicuramente qualche offerta vera c’è. Però, dando un rapido sguardo a cose di cui conosco il prezzo, mi rendono conto che le offerte messe in vetrina sono delle vere e proprie truffe.

Ad esempio, un venditore dice di aver scontato una Nintendo Switch da 507 a 279 euro: insomma, il prezzo “scontato” addirittura del 54% è in realtà il normale prezzo di vendita della console. Lo stesso può dirsi, senza timore di smentita, dell’Xbox Serie S li sotto, in “sconto” a 279 euro rispetto ai 389 proposti. Anche in questo caso, lo sconto del 28% non è reale, dato che il prezzo di lancio della console era di 299 euro.

Volendo poi essere pignoli, nella medesima sezione ho trovato un altro sconto che non lo è: riguarda Far Cry 6 per Xbox, venduto da 99 a 69 euro. Qualche giorno fa, nello store ufficiale di Microsoft (accessibile da ogni Xbox) èla stessa versione del gioco – standard – è stata messa in sconto a 49 euro proprio per il black friday.

E così via, per decine di altri prodotti: una coppia di piumini da uomo venduti a 200 euro quando la stessa inserzione, da altri venditori, è online a 50 euro; le friggitrici ad aria che spaziano dai 49 e 59 euro di sempre a funambolici sconti da 300 o 400 euro; telefonini di fascia medio-bassa, come il mio Xiaomi, fittiziamente scontati da oltre 600 euro a circa 150 euro; e lo stesso vale per scarpe, elettronica e gadget vari.

Certo, la responsabilità è del venditore. Però è assurdo che eBay metta in prima pagina proprio questi prodotti truffaldini. Possibile che non ci si renda conto dell’aumento repentino del costo di questi prodotti, proprio prima del black friday?

Alla fine, tutti proviamo a sfruttare qualche sconto in vista dei regali natalizi. Ma oggi come non mai vale la regola dello stare attenti: confrontate, girate, prestate attenzione. E sopratutto, chiedetevi se tutta quella roba “in sconto” vi serve davvero, prima di comprarla.

Articolo precedente

Rasentare il ridicolo

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.