Vai al contenuto

Sull’albo per le baby-sitter

Scritto da:

Francesco Placco

L’avevano detto e l’hanno fatto: il Comune di Crotone ha deciso di istituire un albo comunale per baby-sitter. L’ente si farà carico di offrire alle famiglie interessate delle figure professionali adeguatamente formate, e chi vorrà iscriversi dovrà frequentare un corso di formazione, gratuito e riconosciuto a livello regionale.

Un bizantinismo inutile, ma che evidentemente tiene banco. La richiesta di baby-sitter a Crotone non è mai stata tale da rendere necessario addirittura un albo, e lo stesso Comune infatti afferma di voler creare una specie di short-list di appena 25 persone. Una sorta di ammissione, seppur celata, che la richiesta di questi servizi è estremamente bassa.

Ma tant’è, e l’amministrazione ha deciso di procedere lo stesso. Tale corso “sarà tenuto da un ente formatore esterno, che si è offerto di svolgerlo senza costi pe il Comune di Crotone e per discenti“, e sarà da vedere quale ente sia stato così caritatevole. Bisognerà però aspettare ancora un po’, dato che fino al 25 ottobre le domande sono ancora aperte.

L’idea è nobile, e per certi versi interessante. Alcuni aspetti del corso di formazione riguardano la sicurezza, il primo soccorso. Cose di cui non sempre si è a conoscenza. Ma tolto questo, sembra più un’iniziativa politica che utile. Qualcosa da fare a prescindere. Creare un’albo che probabilmente rimarrà morto ammazzato li.

Lo stesso Comune infatti mette le mani avanti: non è detto che tale iniziativa serva a trovare lavoro. Daltronde, anche alla commissione pari opportunità sanno bene che la richiesta di una baby-sitter in una realtà come la nostra è estremamente rara. I figli spesso sono affidati ai familiari, anche per mera diffidenza (spesso ingiustificata) di estranei.

Riuscirà questo albo a cambiare le cose? Chi vivrà vedrà. Certo, continua a delinearsi un’amministrazione capace di perseguire obiettivi inutili ma – evidentemente – con una forte valenza interna. Chi mai avrà mostrato queste esigenze in campagna elettorale, resta un mistero.

Articolo precedente

Richieste incredibili

Articolo successivo

L'ignoranza s'è destra

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.