Vai al contenuto

Vecchiaia informatica

Scritto da:

Francesco Placco

È proprio vero, quando ti avvicini agli enta inizi a renderti conto di quanto stai invecchiando. Nel senso, hai un ricordo quanto più preciso possibile del tuo passato recente, che si traduce in un bagaglio abbastanza ampio e destinato ad ingrandirsi ulteriormente.

Senza entrare però in discussioni filosofiche, che per quanto mi piacciano non è il caso, ogni tanto non ci sono solo i ricordi a farti sentire vecchio. Ci si mette anche qualche messaggio automatico di qualche servizio online, più o meno utilizzato, come ad esempio le mail automatiche di Libero.

Libero che negli anni ha cambiato più volte faccia, aspetto, proprietari, e che ancora esiste. E che, pensando proprio alla mail che mi ha mandato, mi fa ricordare quelle vecchie grafiche e quei vecchi servizi che offriva, assieme ai suoi diretti competitor italiani.

Ne è passata di acqua sotto i ponti. E manco a farlo apposta, proprio quest’anno che la mia mail è diventata adolescente mi ero dotato di un altra mail principale, ed avevo fatto pulizia negli archivi, che dal 2007 iniziavano a pesare troppo.

Chissà quando (e se) finirà l’era di Libero. Quanto resisterà alle continua novità che lo stanno portando lentamente al margine. Spero che tutto non finisca troppo presto: vuoi mettere a festeggiare gli enta anche alla propria mail?

Articolo precedente

Lavori fatti male

Articolo successivo

Spazzatura e mentalità

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.