Vai al contenuto

Una scelta che rimpiangeremo?

Scritto da:

Francesco Placco

In questa pandemia ho imparato una lezione che, in un certo senso, avrei dovuto conoscere da tempo: più cerchi di sapere e di capire, più non ci capisci niente.

Ne ho avuto l’ennesima dimostrazione questo pomeriggio, quando nonostante il costante aumento di casi (ormai fisso attorno a quota 500 al giorno) è venuto fuori che da lunedì torneremo in zona arancione. Il che di per se è un bel grattacapo: com’è possibile essere zona rossa con meno di 300 casi al giorno e non esserlo con oltre 500?

Sarà una domanda scontata, ma in Calabria, ad oggi, non abbiamo una situazione sotto controllo. Sono i medici a ricordare, ormai quasi quotidianamente, che gli ospedali sono saturi, e che non basta riconvertire i letti degli altri reparti per fronteggiare meglio la situazione.

Già, non basta. Però basta a cambiare i numeri e le statistiche. E così, nonostante le criticità, torniamo in zona arancione e sono tutti contenti. Si prospetta una settimana di proteste in città – così si vocifera – per chiedere aiuti, sgravi, aperture, libertà, e chi più ne ha più ne metta.

Ma ora mi permetto di azzardare una considerazione. Non so ancora a quanto sia sceso l’indice Rt monitorato dalla cabina di regia: la scorsa volta era ad 1.37, per sapere quello che ha decretato il cambio di colore dovremo attendere almeno lunedì. Tuttavia, credo che salirà nuovamente.

A questo punto, non so che pensare. La vaccinazione non decolla, tra scettici e malfunzionamenti, le istituzioni litigano e la politica fa bordello senza concludere niente. Nel mentre, la popolazione aspetta. E poi si cambia idea, si stravolgono piani, si cambia linea.

Questa pandemia – anzi, la sua gestione – rispecchia pacatamente lo spirito italiano: tutti vogliono decidere, ma alla fine non si decide mai nulla per davvero, e si fa un po’ come cazzo ci pare.

Non ci resta che attendere la prossima settimana, che sarà sicuramente caratterizzata dal tema delle riaperture. Che in fondo, ci importa veramente dei contagi?

Articolo precedente

Geroglifici crotonesi

Articolo successivo

Una battaglia persa

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.