Vai al contenuto

I primi morti per il caldo

Scritto da:

Francesco Placco

Le alte temperature di questi giorni hanno portato diversi effetti “collaterali”, che i più non vedono. Eppure, basterebbe farsi un breve giro in spiaggia con un minimo di spirito d’osservazione, per rendersi conto che questa è ricoperta da tanti piccoli granchietti. Tutti morti.

Questa condizione, non infrequente ed anzi piuttosto ciclica, è dovuta a due fattori: il primo, ovviamente, è l‘innalzamento delle temperature. Senza fare giri pindarici e complessi, negli ultimi giorni abbiamo superato i 25 gradi, aumentando di oltre 10 gradi rispetto ad una settimana fa. Ed a questo fattore bisogna poi aggiungere l’abbassamento della marea causato dal plenilunio.

In sostanza, gli abitanti più noti delle scogliere, i granchi, si sono ritrovati con pocchissima acqua a disposizione, per di più molto calda. Il risultato è quello che possiamo osservare ad occhio nudo, dato che molti di loro si sono letteralmente cotti, divenendo fonte di cibo per i numerosi volatili che sorvolano la zona.

Due eventi naturali si sono uniti nel peggiore dei modi, provocando una piccola moria di animaletti considerati insignificanti. A chi frega dei granchi? La loro morte non è imputabile a nessuno, a differenza dei pesci rossi. Eppure sono animali anche loro, che vivono in quella rarefatta popolazione indigena di specie non addomesticate.

Non temete, comunque: il periodo di riproduzione del granchio corridore, specie oramai predominante nelle scogliere urbane, è in estate. Questo è solo un piccolo inconveniente, che non mina in alcun modo la loro sopravvivenza.

Articolo precedente

Serbatoio (finalmente) ritirato

Articolo successivo

Geroglifici crotonesi

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.