La triste storia di una telecamera

Trova le differenze…

Quante volte ci lamentiamo del fatto che ci vorrebbero “più controlli”? Non c’è conto: nel dibattito cittadino si passa da un eccesso all’altro, da quelli che vorrebbero telecamere ovunque a quelli che vorrebbero pattuglie e “vigilantes” ad ogni angolo. E ad ogni minima inciviltà si grida allo scandalo, e le accuse fioccano nei confronti di chicchessia.

Negli ultimi anni, anche a causa dell’emergenza rifiuti (che a Crotone è andata avanti dal 2010 al 2015), si è posta una particolare attenzione sugli “incivili dei cassonetti”, ossia su tutti coloro i quali contribuissero a gettare immondizia a cazzo, non tanto fuori dai cassonetti ma in ogni dove: canaloni, scarpate, androni, sotto ai ponti, lungo la strada. Un’ondata di indignazione generale si è mossa nei confronti di queste persone, tanto che in molti comuni si è proceduto ad installare telecamere nascoste per poter multare gli incivili.

Con un po’ di ritardo ci siamo arrivati anche noi. Dopo la famosa ordinanza sui rifiuti, che si era prefissata l’obiettivo di regolare il conferimento della spazzatura nei cassonetti, ma che di fatto non è assolutamente rispettata, l’amministrazione Pugliese ha fatto un passo in avanti, installando una nuova telecamera, ritenuta necessaria per contrastare l’abbandono di ingombranti. La cosa non ha avuto molto risalto, tant’è che solo una delle tante testate giornalistiche locali ne ha scritto, sbagliando addirittura strada (la SP51 non sta a Margherita, ma collega Fondo Farina e Salica… ma vabbè): la telecamera infatti è stata installata all’incrocio tra Via dei Gelsomini e Via delle Magnolie, nel sottopasso adiacente alla ex SS106 (qui).

Tutto bene, se non fosse per un piccolo problemino. La videocamera è stata installata Lunedì 16 Ottobre, e sarebbe entrata in funzione il giorno dopo, Martedì 17 Ottobre. Ma sfortunatamente, nella notte tra Sabato 4 e Domenica 5 Novembre, la videocamera è sparita. Pare sia stata scippata dal muro, e c’è chi ci ride su: “Tanto era finta!“. Ad ogni modo, è durata meno di venti giorni. Una vera e propria storia triste.

Non ci è dato sapere quanto ci sia costata quella telecamera, ma si tratta in ogni caso di una spesa superflua. Il punto, infatti, è un altro: la vigilanza, di per sé, non basta. Non è sufficente installare una telecamera per contrastare un fenomeno. Purtroppo, qualche “vandalo” ha dimostrato (se ce ne fosse ancora bisogno) che è estremamente facile aggirare certi metodi, ed è altrettanto probabile – anzi, è certo – che non sapremo mai chi l’ha rubata, la telecamera. A questo punto, vista la beffa, si potrebbe pensare di piazzare delle telecamere nascoste, molto più efficaci proprio perché praticamente invisibili.

C’è poco da fare: i vizi sono duri a morire. Ed il crotonese, si sà, alcuni vizi li ha nel sangue.