Sulla spiaggia di Punta Canna

Un cartellone all’ingresso

Quest’estate abbiamo scoperto che nei pressi di Chioggia esisteva una “spiaggia fascista”. Si tratta del lido balneare Playa Punta Canna, finito agli onori delle cronache per i suoi coloriti cartelloni contenenti foto di Mussolini con relative frasi e discorsi, saluti romani, frasi colorite e continui richiami all’ordine ed alla pulizia (e, tra le altre cose, anche un meme).

Ne torniamo a parlare perché dopo la scoperta del lido si procedette quasi immediatamente alla denuncia del suo gestore per apologia del fascismo. Erano i primi di luglio, e tutti i giornali ne parlarono almeno per qualche giorno. Oggi, sappiamo che i PM hanno chiesto l’archiviazione del caso, in quanto non sussisterebbe alcuna apologia di fascismo, ma solo una particolare ramificazione ed articolazione di un pensiero personale.

Si tratta di una distinzione fondamentale, che avevo già affrontanto in un altro post, a seguito dell’approvazione del nuovo reato di propaganda fascista. In molti, lo scorso mese, si sono stracciati le vesti per affermare che si trattava di un provvedimento “liberticida”, senza tener conto delle dovute differenze: la propaganda e l’apologia del fascismo è una cosa, l’essere simpatizzante fascista è un’altra. Ed il caso di Punta Canna è la dimostrazione lampante ed ovvia di questo discorso.

L’attività privata di Punta Canna, per quanto inneggi al ventennio, non può essere tacciata di apologia: è un luogo privato che rispecchia la personalità del suo gestore. E per questo, non si può (e non si deve) finire di certo in galera. Certo, “inneggia” al fascismo ed, in un certo senso, gli fa propaganda: ma non rappresenta una forza politica/sovversiva, ma solo in pensiero – piuttosto comune – di un libero cittadino.

Non è detto che l’archiviazione venga accettata. Tuttavia, è altamente improbabile che qualcuno venga condannato o che il lido chiuda. Era una cosa prevedibile, ed in fondo è giusta così.