Sondaggi ballerini

Oggi sono stati pubblicati diversi sondaggi sulle intenzioni di voto al Referendum Costituzionale. In linea di massima, tutti concordano nel dire che il No rimane in vantaggio (per qualcuno sta addirittura al 54%), ma che il Si sta lentamente rimontando, arrivando sulla soglia del 50%. Di fatto, si conferma quello che il Corriere aveva già detto qualche settimana fa, ed è il Sud a trainare molto il No a livello nazionale. Si aggiungono comunque nuove indiscrezioni, come ad esempio si riassume bene su TermometroPolitico, riguardanti le occupazioni dei votanti, e tanti altri dettagli interessanti per poter dare un giudizio a priori e a posteri.

Probabilmente, l’esito del referendum si deciderà in ultima battuta. Da qui al 4 Dicembre c’è ancora un mese e mezzo grossomodo, e la quantità di indecisi è ancora alta. Come abbiamo visto, il fronte del No è quello più attivo online, quindi è quello con maggiori possibilità di “reclutare” nuovi voti, specialmente grazie alla campagna svolta con toni semplici e comprensibili, ma spesso errati e grossolani. Il fronte del Si invece è quello meno attivo, non ha ottenuto lo stesso eco mediatico ed è molto influenzato dalle affermazioni delle figure di spicco, specialmente Renzi.

Se anche voi siete indecisi, vi ricordo che anche questo blog si è dotato di un riassunto della riforma, che potete trovare su moltissimi quotidiani online, o anche direttamente sul sito della Camera. Tuttavia, mi va di segnalare un piccolo test anche per chi ha già deciso. L’associazione CreativaMente ha pubblicato un test, composto da 15 domande, per vedere quanto si conosce la riforma costituzionale. Fatelo, anche solo per rendervi conto se il vostro voto è sensato, o se avete bisogno di approfondire qualcosa 😉