La disoccupazione per i rimpatriati

Attenzione attenzione: se ritornate a vivere in Italia dopo un periodo di lavoro all’estero, forse avete diritto ad una indennità di disoccupazione. Sembra strano, è vero, ma è così. Esiste infatti la legge 25.07.75 n. 402 che riconosce una indennità di disoccupazione ai lavoratori rimpatriati. Questa legge è stata approvata nel 1975, ma solo a partire dagli ultimi anni sta trovando una maggiore applicabilità grazie ai trattati internazionali che semplificano moltissimo l’iter di presentazione, anche se i requisiti per ottenerla sono comunque piuttosto restrittivi.

In parole povere e senza entrare nei dettagli, se tornate a vivere in Italia abbiate l’accortezza di riprendere la residenza (se eravate iscritti all’AIRE) e di recarvi al Centro per l’Impiego per segnalarvi come Disoccupati entro 30 giorni dal rimpatrio. In questo modo non avrete limiti di tempo per presentare la domanda. Se riuscite, richiedete il modulo U1 prima di essere tornati in Italia, dato che possono volerci anche due mesi per averlo. Possono presentare la domanda solo il lavoratori a cui è scaduto il contratto o che sono stati licenziati, non quelli che hanno lasciato spontaneamente il posto di lavoro! La domanda si può fare all’INPS, ai CAF, ai patronati ed anche presso alcuni sindacati.

Se disponete del PIN per accedere ai servizi online dell’INPS, potete presentare voi stessi la domanda comodamente da casa. Per raggiungere il form, che è abbastanza nascosto, cliccate su: Servizi Online -> Servizi per il Cittadino -> Domande per prestazioni a sostegno del reddito -> Disoccupazione Ordinaria -> Rimpatriati. Assicuratevi, ovviamente, di avere tutti i documenti richiesti, e di compilare anche il modulo SR163, altrimenti non vedrete un centesimo (e allungherete i tempi di erogazione)

L’indennità dura circa 6 mesi, e non è per niente facile capire quanto vi verrà dato. Certo è che se siete eligibili, fare la domanda non vi costa assolutamente nulla. Buona fortuna 😎

  • miki

    dove lo trovo l’elenco completo di tutti i documenti che si devono presentare?

    • Nel post qua sopra…
      Nello specifico: la certificazione della residenza in Italia, la certificazione di stato di disoccupazione, il modulo U1 ed il modulo SR163. Ovviamente, serviranno anche delle fotocopie della tua carta d’identità e del tuo codice fiscale.

  • Fiocco

    e se non mi sono annunciata entro i 30 giorni perche nessuno me l ha detto, posso fare ugualmente la domanda? Devo dimostrare di aver laorato anche in Italia

    • Ciao,
      tecnicamente no, non puoi fare la domanda: la registrazione al centro per l’impiego entro i 30 giorni dal rimpatrio è necessaria al riconoscimento del sussidio. E no, non devi dimostrare di aver lavorato anche in Italia.