Divari tollerati

La Serie B é finita, ed il Crotone é in Serie A. Lo sapevamo già, ma adesso é ufficiale. É stata fatta una bella coreografia nello stadio, a fine partita, ed é arrivata una (discutibile) riproduzione di Pasqualo, la mascotte ufficiale della squadra. Nel frattempo, fervono le trattative per il nuovo allenatore, ma anche per la nuova rosa di giocatori (e si tira in mezzo anche Ballotelli).

Come se ció non bastasse, é arrivato anche l’ok della Regione per finanziare l’ammodernamento dell’Ezio Scida. Questa infatti metterà 2.5 milioni, e permetterà allo stadio di essere a norma. Una bella notizia, ma non troppo. Perché nel comunicato della Regione si parla anche di un finanziamento per l’ammodernamento del depuratore cittadino, per il quale sono stati stanziati solo 600 mila euro.

Insomma, lo stadio riceverà 4 volte tanto il depuratore, una struttura necessaria e di vitale importanza, dati i suoi noti problemi e criticità.

Le cose che fanno rabbia, per quanto siano passate aimé in sordina, sono due. Dapprima, il fatto che da anni si stima che per rimettere a nuovo il depuratore cittadino servano circa 2 milioni, mai stanziati da nessuno e che paradossalmente oggi ci vediamo passare di mano. E poi, cosa forse ben piu grave, il fatto che nessun esponente politico (e mi riferisco sopratutto ai candidati a sindaco) si sia quanto meno lamentato della ripartizione.

L’ammodernamento della rete fognaria é un punto nei programmi di tutti e 9 i candidati, eppure nessuno si é risentito. Capisco il momento, e la necessità di avere uno stadio pronto al piú presto, ma é prioritario uno stadio o un sistema fognario andante da tempo e notoriamente bisognoso di manutenzione?

E no, non é una domanda da poco. Perché con questi soldi (che non sono pochi, per carità) si potrà provvedere quasi esclusivamente alla manutenzione ordinaria della struttura. Quello che si é fatto ogni anno, con i risultati visti e rivisti.

Un particolare, questo, da tenere a mente al momento del voto.