Migrare da Evolution a Thunderbird

Per circa 4 anni (mese più mese meno) ho utilizzato Evolution come client di posta personale. Lo utilizzavo anche prima, su Ubuntu, ma con l’arrivo di Debian e della sua stabilità non mi è servito nient’altro. Completo, essenziale, ha tutto quello che mi serve: mail, calendario, contatti e lista delle cose da fare.

Adesso sono da due mesi con un nuovo PC, con installato Windows 10. Eggià, non ve lo saresta mai aspettato vero? Nemmeno io. Ma per ora va così, dato che ho voluto prendermi qualche mese per testare la tecnologia mainstream, e quindi non modificherò né il pc né lo smartphone. Tutti con software originale! Evvai.

Purtroppo, su Windows non c’è nessun porting di Evolution, o per meglio dire ce n’è uno che però non è più supportato da anni, ed infatti funziona male (non posso importare nulla). Ripiego allora sul comodissimo Thunderbird. Sorge però un problema non da poco: come sposto tutta la mia posta da Evolution a Thunderbird? Nel mio caso si tratta di circa 7GB di roba, tutto lo storico dal 2006 ad oggi (quasi 10 anni). Potrei farne a meno, ma devo decidere bene cosa archiviare e cosa no.

Ovviamente, questo procedimento ha un senso se il vostro account di posta è impostato tramite POP3, quindi se avete della posta salvata in locale sul pc. Se invece il vostro account è impostato tramite IMAP, è altamente probabile che la vostra posta sia sul mail server, e quindi vi basterà semplicemente sincronizzare nuovamente l’account per avere tutte le vostre mail. Controllate prima 😉

Se installate Thunderbird, potrete scegliere da quale software importare mail ecc, ma purtroppo tra questi non figura mai Evolution. C’è allora un’altra via da seguire. Sembra impossibile, invece è facilissimo.

Evolution permette di esportare la posta in due modi: tramite tarball e tramite mbox. Il primo caso serve solo come backup, ed in sostanza ci fa ottenere un archivio compatibile solo con un altra installazione del software. Utile quindi se state cambiando distro Linux e volete mantenere Evolution come client di posta. Per espostare in questo modo, ci basta cliccare su File e poi su Backup Evolution.

Se invece volete proprio cambiare client, dovrete esportare in mbox. Noterete da subito che in Evolution non c’è nessuna opzione che ci permette di farlo direttamente. Dovremo infatti esportare ogni singola cartella che abbiamo creato. Se abbiamo solo la cartella Inbox, ad esempio, dovremo selezionarla (click con il tasto sinistro), premere i tasti CTRL + A per selezionare tutte le mail al suo interno, ed infine cliccare con il tasto destro e selezionare dal menù l’opzione “Esporta in mbox“. Ci verrà chiesto dove salvare l’archivio e  con che nome. Il file che salveremo conterrà tutte le nostre mail e gli allegati, ed il suo peso varierà in base a quanta roba abbiamo. Ora, dobbiamo ripetere questo procedimento per tutte le cartelle che abbiamo 😀

Una volta che abbiamo i nostri file mbox, dobbiamo importarli in Thunderbird. Come fare? Il software infatti non supporta il formato mbox, e dobbiamo quindi ricorrere ad un’estensione, ImportExportTools. Una volta installata, avremo a disposizione tutta una serie di opzioni per importare ed esportare in tutti i formati immaginabili. Tra questi, c’è pure il nostro caro mbox. A questo punto, ci basta cliccare con il tasto destro sulla cartella Inbox, selezionare il menù ImportExportTools e da li scegliere l’opzione “Importa file mbox“. Anche in questo caso, dovremo ripetere l’operazione per quante cartelle abbiamo.

Una volta importate tutte le cartelle, avrete nuovamente tutta la vostra posta, migrata in modo abbastanza semplice tra due software che non comunicano tra di loro, per quanto siano strutturati allo stesso modo. Prima di concludere, vorrei ricordarvi che, nel caso abbiate deciso di usare Outlook, i file mbox possono essere anche convertiti in file eml, il formato proprietario di Windows. Non si sa mai 😉

Detto questo… devo farmi un’archivio. Ci riuscirò.

  • itanet_ch

    Ciao, la tua guida non fà una grinza rispetto alle altre col metodo “mbox”, unico neo che io ho un centinaio di cartelle e sottocartelle e singeramente l’operazione risulterebbe infinita. Avresti una soluzione anche per questo caso specifico?

    Grazie Pasky

    • Ciao Pasky,
      sai perché “non fa una grinza”? Perché purtroppo è l’unico modo possibile. Nenche mettendo tutto in una sottocartella riusciresti ad esportare tutta la tua posta in mbox in un colpo solo.

      Io avevo una situazione simile (in totale 78 tra cartelle e sottocartelle). Le ho dovute fare una per una.