Cocaine Irish Folk

Il grande acquisto
Il grande acquisto

Sono tornato ieri da Belfast, una città che volevo visitare da tempo. Come ogni viaggio che si rispetti, ho preso qualche souvenir, qualcosa per me e per i miei amici. Avendo un giradischi in casa, qualche disco di musica da pub irlandese è più che ben accetto.

Il disco che vedete in foto sembrava un’affare. Al momento di pagarlo ho scoperto che era gratis, e la signora dello shop dei dischi usati mi ha raccomandato molto alcune canzoni, descrivendomele come pezzi di storia. Non vedevo l’ora di sentirlo, fomentato anche dalla nottata al pub dove ho avuto modo di godermi tanta musica a base di flauti e violini, e sopratutto di portarlo a casa.

In aeroporto, come al solito, sono stato controllato. Ormai è un must: zaino, giacca, scarpe e busto. Tutto tranquillo. Ad un certo punto, l’addetta alla sicurezza mi chiede se ho della droga con me, e se poteva passare un tampone sui vari oggetti che portavo con me. Risposta negativa, non ho nulla con me. E quindi procede a tamponare tutto quello che avevo dietro e addosso. Tutto.

Tutto negativo… finché non arriva al disco. La copertina risulta negativa, ma al contatto con la superfice del disco il tampone cambia colore. Il disco è positivo alla cocaina.Take your stuff and follow me“. Dopo qualche domanda, alla fine credono a ciò che gli dicevo: l’ho comprato in un negozio di dischi usati. Tutto qui. Qualche altra tamponata qua e la e mi lasciano andare, con tanto di disco e senza problemi.

Ormai, ogni volta che prendo un’aereo succede qualcosa. Dal tabacco sequestrato alla conserva che ha fatto tanto incazzare il personale di Stansted. Ma questa era da raccontare. Non è più un semplice souvenir, è un regalo con una storia 😎

Che poi, non è neanche tutto sto gran disco, alla fine… 😀