Visitare St Paul’s

All'interno del Cupolone
All’interno del Cupolone

L’importanza della chiesa di Saint Paul, nel centro della city, è risaputa. Stando qui da diverso tempo, l’unica cosa che mi aveva impedito di visitarla fino ad oggi era solo il biglietto d’ingresso (ben 18£), ma grazie alla visita di una mia amica non ho potuto non prendere la palla al balzo.

Saint Paul è una delle due cattedrali di Londra, e tra le due è sicuramente la più conosciuta e visitata dai turisti. L’altra cattedrale, la cui costruzione è più antica e in stile gotico, è quella del Southwark (subito prima del London Bridge, e dedicata al Santissimo Salvatore e a Santa Maria Oltre il Fiume). Sono entrambe chiese anglicane, e non riconoscono la figura del Papa. Questa è una delle prime cose che saprete entrando in Saint Paul: la chiesa non è fedele al Papa di Roma, e numerose opere d’arte, soprautto mosaici, vennero fatti rifare in quanto erano troppo simili a quelli di ispirazione cattolica.

A tal proposito, è bene approfondire una cosa: perché ci fù lo scisma anglicano? Non saprei se dire per un diritto o per un capriccio, anche se sono più propenso alla seconda. Enrico VIII lo conosciamo tutti principalmente per il fatto che ebbe 6 mogli. Il divorzio, ieri più di oggi, era una cosa impensabile per la fede cattolica. Eppure, Enrico VIII voleva vedersi annullato il suo primo matrimonio, con Caterina d’Aragona, in quanto si era invaghito di Anna Bolena, e chiese al Papa Clemente VII di annullare il sacramento. Al rifiuto del Papa, la risposta di Enrico VIII (e della famiglia di Caterina) fù quantomeno drastica: non ci fù solo la divisione religiosa, e la formazione di una nuova “corrente cristiana”, ma le truppe aragonesi saccheggiarono Roma per diversi giorni, tenendo addirittura in ostaggio il Papa.

La natura “diversa” di questa chiesa è chiara fin dai primi passi al suo interno. Lo stile è decisamente più recente, palesemente diverso da quello che siamo abituati a vedere in Italia. La chiesa in fondo venne finita di costruire nel 1708, e la corrente artistica è facilmente individuabile. Non si può non notare lo stile da tempio.

Quella che visitiamo oggi è la versione più moderna della cattedrale, che venne costruita per la prima volta già in epoca tardo-romana. Le vecchie costruzioni erano interamente in legno, e furono via via distrutte dal tempo, dai saccheggi e dagli incendi. Solo poco prima dell’anno 1000 si iniziò ad edificare parte della chiesa in pietra, anche se, nonostante la solidità acquisita, i numerosi incendi e saccheggi ritardavano di volta in volta la costruzione. Esemplare è la quarta ricostruzione della chiesa, ad opera dei Normanni, che impiegarono più di 200 anni per ultimare i lavori!

La leggenda vuole che la chiesa sia stata edificata sopra un vecchio tempio Romano dedicato a Diana, che a sua volta venne edificato al di sopra di un gruppo di megaliti, grandi pietre poste in modo circolare e presenti già prima dell’arrivo dei Romani. Non esistono però fonti ufficiali a riguardo.

IMG_20150711_154501All’interno della struttura si trovano numerose opere d’arte, ma anche memoriali e tombe famose. Nella “cripta” infatti è possibile visitare il maestoso mausoleo del I° Duca di Wellington, o la targa commemorativa dedicata a Churchill.

I pavimenti della chiesa sono particolarmente elaborati, e sono degni di nota tanto quanto le numerose sculture e i tanti dipinti che adornano ogni parete. È interessante notare come ogni giorno anche in questa chiesa si celebri almeno una messa, alla quale però non sono ammessi i turisti.

A parte l’aspetto religioso, una delle attrattive principali è sicuramente la sua cupola, anzi, falsa cupola. La struttura è formata da tre cupole sovrapposte: quella interna è alta ben 66,5 metri, mentre la struttura totale è alta circa 111 metri. Vi è una cupola tra le due visibili, che ha una funzione puramente strutturale, e serve a reggere e distribuire il peso della struttura.

IMG_20150711_152727Come per la chiesa di San Pietro a Roma, è possibile salire fino ad un certo punto della cupola e fare un passeggiata all’esterno, per ammirare dall’alto la città. A tal proposito, è bene ricordare che per moltissimi anni fù sancito che la cupola di Saint Paul dovesse essere visibile da ogni parte di Londra, e che per questo le nuove costruzioni non dovevano superare una certa altezza. Oggi questa regola non è più propriamente in vigore, ma è vero che il cupolone è visibile e riconoscibile anche da molto lontano.

La chiesa è rimasta grossomodo la stessa dal ‘700 ad oggi, e non venne distrutta durante i bobardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Una bomba sfondò una parte del tetto della chiesa, ma non esplose, e venne recuperata e fatta brillare in sicurezza senza fare danni alla struttura.

Purtroppo per me, non sono potuto salire in cima al cupolone, perché si doveva celebrare messa e la chiesa chiudeva. Sono stati 18£ spesi bene o male? Diciamo che per me sono una via di mezzo. La chiesa è molto bella, ricca e curata, ma l’impressione è che abbia da offrire sostanzialmente poco rispetto alla grande cattedrale che vuole apparire. Sono sicuro che la cattedrale del Southwark sarà molto più interessante (ed economica) da visitare.

Inoltre, 18£ sembra essere un prezzo volutamente alto, magari per lucrare sui tanti turisti e fedeli che vogliono visitare la struttura. Giusto per farvi un’idea: le audioguide sono degli iPod con l’app della chiesa. Della serie: perché risparmiare?

A parte questo, Londra offre moltissime chiese in moltissimi stili da poter visitare, molte delle quali sono gratuite. Un modo interessante per approfondire il particolare rapporto religioso che si vive in questa grande metropoli, e la spesso controversa storia religiosa di questo paese.