Il Parco Scultura della Palomba

Vista del parco dal punto più alto
Vista del parco dal punto più alto

Poco prima di andare via da Matera, non abbiamo potuto fare a meno di fermarci a visitare una curiosità inaspettata. Lungo la Strada Statale 7 Appia abbiamo notato una serie di opere d’arte decisamente particolari. Scoprimmo così, per caso, il Parco Scultura della Palomba. A Matera ci sono molte cave, ed una di queste è stata riadatta in un modo decisamente piacevole.

In questa grande area è possibile trovare un po’ di tutto. In primo piano ci sono ovviamente le sculture e le opere d’arte, tutte lavorate dalla mano di Antonio Paradiso, un artista locale che gestisce questo spazio. C’è un massiccio uso di ferro e di roccia, e i grandi spazi aiutano ad enfatizzare il tutto. Una congiunzione degli elementi più duri che la natura possa offrirci, all’interno di una cava. Non ci si rende conto di quanto sia alto il “muro” finché non ci si va sotto.

Tra le altre cose, assolutamente degne di nota, c’è da menzionare i vari resti neolitici. Matera è famosa anche per questo, e in questo parco si possono ammirare i resti di un pozzo, di una tomba e di una abitazione, un po’ occultati dalla natura ma ben segnalati. Inoltre, una volta risalita la collina, è possibile visitare la piccola Chiesa della Palomba (che non è sempre aperta), oltre che godere del bel panorama che ci offre il punto rialzato.

IMG_20141005_115917
L’Ultima Cena Globalizzata

Tuttavia, mi ha colpito principalmente una cosa: in alcune opere sono stati utilizzati dei resti del World Trade Center. Si, delle Torri Gemelle. Non ci potevo credere sul momento, ma poi è bastata qualche ricerca e qualche domanda per fugare ogni dubbio. In sostanza, il governo USA, dopo diversi anni dall’avvenimento, decise di distribuire/vendere alcuni resti delle torri a diversi artisti internazionali. Antonio Paradiso è riuscito ad averne diversi, ed ha realizzato più opere. Questa è quella che mi è piaciuta di più: l’Ultima Cena Globalizzata, realizzata interamente con ferri provenienti dal World Trade Center.

Il parco si presente come piace a me, selvaggio, da esplorare. Non so quante persone siano a conoscenza di questa particolarità, ma durante la nostra visita siamo stati gli unici due presenti nel parco (custode escluso).

Una tappa da tenere a mente, se si visita Matera 😉