Auguri di Buon Anno, Satana!

Reliquia Giovanni Paolo II
La reliquia rubata, ne esistono solo tre

In questi giorni, una notizia che sta facendo discutere é la scomparsa di una delle preziose reliquie di Papa Wojtyla da una chiesa di Pietro della Ienca, un paesino in provincia dell’Aquila. Oltre alla reliquia, contenente delle gocce di sangue di uno dei Papi (prossimo alla santificazione) più amati di sempre, dalla piccola  chiesetta è sparita anche una croce.

Per ora, tutte le piste sono valide. Compresa la pista Satanista. Ed è giusto così. Il problema nasce quando si iniziano a trasmettere informazioni grossolane, prevalentemente errate, e prive di ogni qual si voglia logica. Insomma, cose buttate li per far parole.

A quanto pare, il Capodanno Satanico cade agli inizi di Febbraio. Ultimamente, su internet rimbalza questa voce, che trae sostegno non solo per via delle voci “autorevoli” che la pronunciano, ma anche dalle numerose pubblicazioni sui quotidiani online, e le varie riprese nei tg di ogni ora. Bèh, questa è una grande, grande distorsione della realtà. Se pensavate al Capodanno Cinese, vi sbagliavate di grosso! 😀

Il mondo dell’occulto è qualcosa di eccezionale. Bisogna capirci qualcosa per muoversi tra le mille similitudini e concetti, altrimenti si rischia di cadere in inganno su cose veramente stupide. L’affermazione che i primi di Febbraio ricorre il Capodanno Satanico è un esempio perfetto. Ci permette di comprendere come l’ignoranza non ha ne colore ne parte.

In questo caso specifico, ritengo che le fonti della disinformazione siano diverse. La prima fonte di confusione è sicuramente quella religiosa. Il concetto di Satanismo è stato oggetto di numerose modifiche e manipolazioni nel corso del tempo, sempre ad opera della Chiesa stessa. Questa manipolazione ha generato una delle confusioni più durature di sempre, ossia la credenza popolare che il Paganesimo sia equivalente al Satanismo. I riti pre-Cristiani erano ritenuti “diabolici” a prescindere. Infine, la “presunta conoscenza” che deriva da tutti i nuovi pseudo culti moderni, che riprendono credenze reali di alcuni millenni fa, rielaborandoli con tocchi new age che, personalmente, non gradisco. Ecco, questo è un rapporto causa-effetto. Se leggete bene, noterete la diretta conseguenza di ogni cosa. La mancanza di consapevolezza, porta a questo ciclo abominevole.

Parliamoci chiaramente, quanti di voi hanno letto la Bibbia? Anzi, ancora meglio, quanti di voi hanno letto un libro sul Satanismo? Probabilmente la Bibbia, in questo paragone, vince. Tuttavia, è più probabile che abbiate letto libricini più piccoli, meno impegnativi ma più coinvolgenti, su tutti e due gli argomenti. Libri di autori che danno molte cose per scontate. Che confondono molte cose. Ok, la confusione è un effetto voluto, e ci sono riusciti. Tuttavia, argomentarsi su basi confuse vuol dire, quasi sempre, argomentarsi sul nulla.

Il 2 Febbraio ricorre un avvenimento religioso abbastanza noto, la Candelora. Di per se, cade in corrispondenza di altre festività interessanti, come il Giorno della Marmotta in USA o la Festa delle Crépes in Francia. Nel mondo Cristiano – Cattolico invece, ricorre un avvenimento specifico, ossia la presentazione di Gesù al tempio. Si ricorda anche come il giorno in cui Maria si purificò dopo il parto. Ovviamente, come la maggior parte delle feste religiose, si è aggiunto il significato Cristiano ad una festa pre-Cristiana.

Lo stesso nome, Candelora, deriva da due simpatiche curiosità: sia perché, secondo il calendario Romano (che era lunare) i giorni di luna nuova si chiamavano Candele (appunto perché, senza la luce della luna, era difficile vederci qualcosa), sia perché la popolazione, in prossimità del novilunio che cade agli inizi di Febbraio, erano soliti andare a venerare la Dea Giunone, offrendole delle candele consacrate. La festa Cristiana venne definitivamente introdotta intorno al 474 d.C., abolendo i riti Romani, ma conservandone le abitudini e determinate immagini.

Fin qui tutto bene. Ma allora, perché è il Capodanno Satanico? Bèh, qui potremmo sbizzarrirci molto. Magari, può essere perché, sempre a Febbraio, i Romani, durante i Lupercalia, festeggiavano il Dio Luperco, protettore di ovini e caprini. Sicuramente, la cosa ha influito molto, sopratutto per via delle povere caprette, da sempre associate al demonio. Tuttavia, qui ci colpa una credenza ben più antica.

Stando al calendario Celtico ed alle sue festività, nel punto mediano tra solstizio d’inverno ed equinozio di primavera, cadeva Imbolc. Conosciuto con altri centinaia di nomi diversi, era una festa molto simile a quella Romana, e si celebrava sopratutto per festeggiare una cosa: gli ovini. In questo periodo, danno alla luce i piccoli, fornendo il latte. Era un doppio beneficio, sia immediato (si poteva bene del latte fresco) sia futuro (degli agnellini che sarebbero cresciuti). Inoltre, durante le celebrazioni, erano soliti accendere candele e fuochi. Questa ricorrenza era associata alla Dea Brigit, che veniva venerata con dei fuochi rituali. In seguito, con la Cristianizzazione la Dea Brigit divenne Santa Brigida, che sul calendario cade, guarda caso, proprio l’1 Febbraio (non è comunque un santo tradizionale Cattolico).

Una grande colpa qui è del Neopaganesimo, nel “nuovo” movimento che mette insieme Vecchia Religione, culti Celtici, magia. Un mix interessante, che ha generato cose come la Wicca. Tuttavia, un mix molto pericoloso. L’attribuzione di Imbolc a Capodanno Satanico nasce qui, in questo marasma confuso di idee, storia e supposizioni. E’ vero, la festività Celtica, ripresa in qualche modo dai Romani (e probabilmente diffusa in tutta l’Europa antica) è una festa che celebra in qualche modo “un nuovo inizio“, riferito per lo più ai parti degli animali, e dunque una sussistenza per l’uomo. Tuttavia, è un’usanza diffusissima ovunque, in qualunque culto, in qualunque parte del mondo. Non è una festa di purificazione, è una festa di attesa, attesa del ritorno della primavera (e quindi della “luce” del sole) e della fine dell’inverno, rigido e letale per chissà quante persone.

Tutti i significati aggiuntigli dopo, sono storpiature di quanto letto sopra. Nel Satanismo, questa ricorrenza è associata alla Festa del Fuoco, nota per essere un ottimo momento per procedere con le iniziazioni a Satana. Volendo forzare molto la mano (e la logica) si può intendere l’iniziazione rituale come una sorta di nuovo inizio, del tutto personale. Ma ad intenderlo come Capodanno di Satana ci vuole molta, molta, molta fantasia. Anche questo significato è una storpiatura della ricorrenza in se, ma almeno qui abbiamo una base solida: i seguaci di Satana ripresero la vecchia usanza dei fuochi rituali, e spostarono l’attenzione verso le loro divinità. In seguito, venne ripreso il concetto di “attesa della luce“, che veniva portata, appunto, da Lucifero.

Avrete anche sentito parlare del Demone Volac, che nella demonologia ricopre la carica di Grande Presidente dell’Inferno, con ben 30 legioni di demoni al suo comando. E’ un “demone donna“, da alcuni identificato come “angelo femmineo“. Quantomeno, ha le sembianze femminili. Cavalca un drago a più teste. In Italia, nel ’98, erano presenti delle sette dedite a venerare questo demone. Tuttavia, è un denome che di cattivo non ha molto. Sarebbe noto per la facilità con cui individua i serpenti. E’ un buon consigliere, può portare fortuna, e consiglierebbe addirittura dei numeri fortunati. E’ comunque un demone notturno, noto anche per la rapidità dei suoi spostamenti.

Quindi, i primi di Febbraio si celebra il Capodanno Satanico? Assolutamente, no. Si celebrano delle feste collegate a vecchie culture, al paganesimo, all’occulto, all’esoterico ed, anche, al Satanismo. Ma affermare che sia il Capodanno Satanico è assolutamente una falsità, che oltre a creare disinformazione, diffonde non poca ignoranza su un argomento che, ancora oggi, è un tabù. Ovviamente, ciò non toglie che il furto potrebbe essere stato commesso per un motivo collegato a questi eventi.

Il problema del Satanismo è che, in fondo, è un prodotto del Cristianesimo, che lo ha ampliamente modellato e plasmato (per non dire direttamente creato). Le prime forme di adorazione verso Lucifero (figura diversa da Satana, ma spesso confusa), colui che si ribellò a Dio, avvennero durante il medioevo, per via delle persecuzioni della chiesa. Confondere questa divinazione con le divinità pre-Cristiane ed i culti pagani non è corretto, sebbene in parte alcuni usi e rituali siano rimasti gli stessi. Anche una parte dei nomi è rimasta, e quindi troviamo alcune figure antiche, come Baal, che da Divinità Persiana si trasforma in un demone.

Gli anni ’70 e ’80 del vecchio secolo sono stati pieni di occulto, mischiato tra vecchie credenze, superstizione ecc. Vi dico solo che, nel 1988 venne pubblicato un libro di nome Satanism, dove diversi studiosi dell’occulto erano d’accordo nell’affermare che il Capodanno Satanico si celebrava il 13 Gennaio. Secondo loro, Luciferò iniziò la rivolta contro Dio (con ben 200.000 demoni a seguito) il 13 Gennaio di chissà quanti anni fa (chi dice 5000, chi 8000, chi anche di più), e pertanto quella data indicava la nascita del culto. L’idea e buona, ed in questo caso è decisamente più fondata ed accettabile. Il 13 è il numero associato alla rivolta di Lucifero, ed è anche per questo che è noto come numero sfortunato (nei paesi Anglosassoni, si pensa che Gesù venne crocifisso di Venerdì 13).

Traendo una conclusione, abbiamo trasformato una festività nota in tutta l’Europa antica nel Capodanno Satanico, confondendo culture, idee, supposizioni, storia e chissà quant’altro. Non abbiamo tenuto conto di nulla, per affermare una sciocchezza e per ignorare, nuovamente, il discorso. L’arroganza della Chiesa Cattolica, ancora oggi, è decisamente forte. E trae la sua forza sopratutto dall’ignoranza delle persone, sia sul lato religioso sia sul lato esoterico. Ignoranza che nasce dal non affrontare correttamente i discorsi. Ignoranza pura.

Qualunque sia la vostra credenza, che siate Cristiani, seguaci della Via Romana agli Dei, devoti alle divinità Celtiche, apprendisti Wicca in attesa del Sabba o Satanisti in attesa di essere iniziati, in comune avete tutti una cosa: la storia dell’uomo e delle società che ha popolato. Ed infatti, festeggiate tutti insieme 🙂