Arkyd, il telescopio che cerca fondi

Il prototipo del telescopio
Il prototipo del telescopio

Spesso su Kickstarter si trovano progetti interessanti, ma questo è veramente fuori dal comune. La società Americana Planetary Resource, che da anni collabora con la NASA per la ricerca e lo studio di metodi per la trivellazione degli asteroidi, oltre che per il fatidico sbarco su Marte, ha deciso di costruire un telescopio spaziale “di tutti”. Il telescopio è di dimensioni e peso molto ridotti, come potete vedere anche dalla foto. Parliamo di un aggeggio lungo circa 42/43 cm, dal modesto peso di una quindicina di chili. Praticamente un nulla.

La missione di questo telescopio, se verrà pienamente finanziato, sarà (detta in termini semplici) quella di orbitare intorno alla terra per fare delle foto. Per la costruzione del telescopio viene richiesto 1 milione di dollari USA, e se si raggiungerà tale somma entro il 30 giugno la sua costruzione avrà inizio. Il progetto ha riscosso moltissimo successo, e siamo già (quasi) a metà strada con le donazioni.

Ma perché è di tutti ‘sto coso? I normali telescopi, che scattano foto in orbita, alla fine rilasciano sempre le foto scattate in rete, a disposizione di tutti. Cosa c’è di diverso? Beh… non molto in realtà. Diciamo che è di tutti, ma è sopratutto di chi finanzia il progetto. Donando da 25$ in su si ottengono una serie di “benefici”. Con 25$ per esempio, si ottiene il privilegio di vedere la propria foto su un piccolo schermo LCD posto sul satellite. Quindi, per la magia del marketing, ecco che per soli 25$ la tua foto andrà nello spazio! Ed a sua volta, il telescopio, dotato di una telecameria, scatterà una foto della tua foto sul satellite, con la terra sullo sfondo. Così la puoi mettere su feisbuck. Ma le features più interessanti, ovviamente, sono per chi dona di più: con 450$ potrai scattare 3 foto dal telescopio nello spazio, ad esempio.

Giustamente, c’è bisogno di denaro, e le chicche di questo tipo incentivano a spendere di più. A mio avviso, la cosa più interessante resta la più semplice, ossia la possibilità di richiedere la foto di un particolare angolo della terra (o anche dello spazio) nella community che verrà creata se il progetto partirà. Anche per questo bisogna pagare, ma per entrare nella community bisogna donare almeno 10$. Un investimento niente male. Se poi volete contribuire con gli spiccioli, potete farlo dato che il progetto accetta donazioni a partire da 1$, ma in cambio non otterrette nemmeno la loro gratitudine (c’è scritto che ti saranno grati dai 10$ in sù).

Polemiche a parte, è un’idea niente male, anche se bisognerebbe sapere qualcosa in più come dato tecnico, come il risultato fotografico. Monteranno una semplice digitale li dentro o cosa? Magari sto chiedendo troppo visto che il progetto è ancora acerbo, il tempo saprà rispondere.

Spero che il progetto raggiunga comunque il milione di dollari, la ricerca spaziale ci sta regalando molte cose ultimamente, ed un aiuto, anche piccolo, è sempre gradito. Ovviamente, il focus dell’azienda saranno gli asteroidi e i corpi rocciosi, una fetta dello spazio non molto calcolata ma comunque interessantissima e semi-sconosciuta. Vi invito a visitare la pagina del progetto, anche solo per vedere con che rapidità aumentano le donazioni.

PS: Il nome Arkyd è in onore delle Arakyd Industries di Guerre Stellari, che produceva i droni Viper.